Il tuo abbigliamento: Poesia di Tagore

Il tuo abbigliamento: Poesia di Tagore

Il tuo abbigliamento Il cielo veglia su di te mentre dormi fra le braccia di tua madre, e l’alba s’avvicina al tuo lettino in punta di piedi, e ti bacia sugli occhi. Il vento allegramente porta via il tintinnio dei campanellini che porti legati alle caviglie. La fata dei sogni scende verso di te volando per il cielo vespertino. La madre del mondo dimora accanto di te nel cuore di tua madre. Colui che suona la sua musica alle stelle sta alla tua finestra col suo flauto. E la fata…

Condividi

La comunicazione che nutre e guarisce è il cibo delle nostre relazioni.

La comunicazione che nutre e guarisce è il cibo delle nostre relazioni.

La comunicazione che nutre e guarisce è il cibo delle nostre relazioni. A volte una sola frase crudele può far soffrire l’altra persona per molti anni, e anche noi soffriremo per molto tempo. In uno stato di rabbia o paura ci potrà capitare di dire qualcosa che può essere velenoso e distruttivo. Se ingoiamo il veleno, esso potrà rimanere dentro di noi per molto tempo, e ucciderà lentamente la nostra relazione. Forse non sapremo neppure che cosa abbiamo detto o fatto per cominciare ad avvelenare la relazione. Tuttavia abbiamo l’antidoto:…

Condividi

Come distinguere la comunicazione sana da quella tossica?

Come distinguere la comunicazione sana da quella tossica?

Consumare con consapevolezza: Come distinguere la comunicazione sana da quella tossica? L’energia della consapevolezza è un ingrediente necessario della comunicazione sana. La consapevolezza richiede l’abbandono del giudizio, il tornare a essere consci del respiro e del corpo e infine il portare la nostra piena attenzione a ciò che è in noi e attorno a noi. Questo ci aiuta a renderci conto se il pensiero che abbiamo appena prodotto è sano o malsano, compassionevole o crudele. La conversazione è una fonte di nutrimento. Tutti noi prima o poi ci sentiamo soli…

Condividi

Sri Yukteswar faccia a faccia con un cobra micidiale

Sri Yukteswar faccia a faccia con un cobra micidiale

Non ebbi mai occasione di vedere il Maestro alle prese con un leopardo o con una tigre. Una volta, tuttavia, egli si trovò faccia a faccia con un cobra micidiale, che finì però per essere conquistato dall’amore del mio guru. Questa varietà di serpenti è molto temuta in India, dove provoca oltre cinquemila vittime all’anno. Il pericoloso incontro avvenne a Puri, dove Sri Yukteswar aveva un secondo ashram, situato in una posizione incantevole vicino al Golfo del Bengala. Prafulla, un giovane discepolo degli ultimi tempi, si trovava insieme al Maestro…

Condividi

Il santo che levitava BHADURI MAHASAYA

Il santo che levitava BHADURI MAHASAYA

BHADURI MAHASAYA “Il santo che levitava” «Signore» chiesi «perché non scrivete un libro sullo yoga a beneficio del mondo?». «Sto formando dei discepoli» rispose. «Essi e i loro allievi saranno libri viventi, inattaccabili dalle naturali degenerazioni prodotte dal tempo e dalle innaturali interpretazioni dei critici». «Talvolta Dio pianta i suoi santi in terreni inaspettati, affinché non si pensi che Egli possa essere ridotto a una regola!». Il saggio immobilizzò il suo corpo vibrante nella posizione del loto. Pur avendo superato i settant’anni, non mostrava alcuno dei segni spiacevoli della vecchiaia…

Condividi

Il Kriya Yoga è realmente un diamante, e soprattutto per un motivo:

Il Kriya Yoga è realmente un diamante, e soprattutto per un motivo:

Questo amore personale, unito alla preghiera, porta dapprima all’unione con Dio, poi all’Unione. Al culmine del nostro viaggio spirituale, noi non solo ameremo e percepiremo Dio, ma Lo sperimenteremo come il nostro stesso Sé infinito. Il Kriya Yoga è realmente un diamante, e soprattutto per un motivo: perché è uno strumento che fa risplendere il vero diamante della nostra anima. La nostra anima è sempre stata quella gemma scintillante, anche se è rimasta a lungo coperta dal fango. Il nostro compito è di farla risplendere nuovamente in tutta la sua…

Condividi

l’inchiostro del cuore non si vede ma si sente

l’inchiostro del cuore non si vede ma si sente

lidilianny: l’inchiostro del cuore non si vede ma si sente. ♥Benvenuti♥   Benvenuti nel mio piccolo angolo del web. qui voglio condividere con voi un po’ delle mie emozioni, delle mie scritture dallo svariato contenuto… Ho sempre il bisogno continuo di esprimermi attraverso la scrittura e la creazione. Sono una mamma, una donna comune, ma ho sempre vissuto in un mondo di fantasie, un mondo tutto mio. Mi piace poter viaggiare leggendo un semplice libro, esplorare luoghi incantevoli, non leggo per criticare ma mi affascina tanto e, quando riesco, prendo un foglio e…

Condividi

Come riconoscere un manipolatore

Come riconoscere un manipolatore

La manipolazione psicologica è un tipo di influenza sociale finalizzata a cambiare la percezione o il comportamento degli altri usando schemi e metodi subdoli e ingannevoli che possono anche sfociare nell’abuso sia psicologico che fisico. Il fine ultimo perseguito dal manipolatore è la soddisfazione dei propri interessi, di norma a spese degli altri. L’influenza sociale in sé non assume una connotazione negativa, contrariamente alla manipolazione; si prenda ad esempio il medico che sfrutta il suo ruolo e l’asimmetria di conoscenze per indurre il paziente ad abbandonare stili di vita insalubri…

Condividi

L’amore non fa soffrire, ma la sua mancanza.

L’amore non fa soffrire, ma la sua mancanza.

Si dice che “Amare” è “soffrire”. Credo che la sofferenza sia la mancanza d’amore. Si dice che in amore vince chi fugge, chi resta, io credo che in amore vinca chi ama! la verità è che si soffre per quello che ci interessa davvero, siamo noi che diamo importanza a quello che ci capita, tutti soffriamo. Soffriamo Per amore Soffriamo Per un tradimento Soffriamo Per una perdita Soffriamo per una fine Soffriamo per obbiettivi mai raggiunti. Soffriamo le ingiustizie. Soffriamo la distanza. Soffrire fa parte della nostra vita Un sentimento…

Condividi

Ricorda, tu non conosci niente di me!

Ricorda, tu non conosci niente di me!

Ricorda, tu non conosci niente di me! Solo il mio nome. Sai un racconto. Una illusione. Un tuo pensiero è frutto del tuo cervello, non della realtà. Non sai niente di niente. Quindi se resto in silenzio non è perché mi creda superiore a te. Se resto in silenzio di fronte alla cattiveria, se preferisco allontanarmi da certe situazioni e persone è semplicemente perché l’ignoranza va combattuta con il disprezzo. Tutto quello che viene dal veleno è tossico. Io non aspetto il tempo. Non aspetto la ruota. Nè la Vendetta….

Condividi