Lady Diana la “principessa del popolo”

Lady Diana la “principessa del popolo”

    Nata Diana Spencer il 1 luglio 1961, la principessa Diana divenne Lady Diana Spencer dopo che suo padre acquisì il titolo di conte, nel 1975. La principessa sposò l’erede al trono britannico, il principe Carlo, il 29 luglio 1981. Ebbero due figli, ma divorziarono nel 1996, destando grande scalpore. Lady Diana continuò comunque a mantenere un alto livello di popolarità nella popolazione britannica. Morì in un incidente d’auto, dopo aver tentato di sfuggire ai paparazzi di Parigi, nella notte del 30 agosto 1997; la dinamica dell’incidente desta ancora…

Condividi

Alda Merini, Lirica antica.

Alda Merini, Lirica antica.

Lirica antica Caro, dammi parole di fiducia per te, mio uomo, l’unico che amassi in lunghi anni di stupido terrore, fa che le mani m’escano dal buio incantesimo amaro che non frutta… Sono gioielli, vedi, le mie mani, sono un linguaggio per l’amore vivo ma una fosca catena le ha ben chiuse ben legate ad un ceppo. Amore mio ho sognato di te come si sogna della rosa e del vento, sei purissimo, vivo, un equilibrio astrale, ma io sono nella notte e non posso ospitarti. Io vorrei che tu…

Condividi

Perdere un figlio, cosa si prova?

Perdere un figlio, cosa si prova?

Quando ero più piccola mi preoccupavo per tutto, se piacevo, se fossi abbastanza. A volte mi sono chiesta, guardando altre persone, cosa le rendeva cosi forti e determinate. Cosa avevano di diverso? Ero incuriosita come una bambina che si avvicina piano per chiedere il perchè. Forse non era così strano, con il tempo sono cresciuta, senza tutte quelle paure, incertezze, ho scoperto la sicurezza in me stessa. Allora iniziai a camminare a testa alta, a sorridere di più ad ascoltare solo le cose giuste e dare importanza alle priorità della…

Condividi

Anche l’odio contro la bassezza stravolge il viso

Anche l’odio contro la bassezza stravolge il viso

Quale tolleranza per il nostro tempo? Dall’altra parte stanno le ragioni di chi cerca di esistere e di resistere. Nessuno mai si è domandato come possa ancora vivere un continente, l’Africa, le cui giovani generazioni sono state oggetto per oltre un secolo di mercato, come schiavi, in condizione di totale selvaggio, brutale annientamento? La resistenza allora può tradursi nella necessità di esaltare la propria identità, di difendere le differenze, come avviene per i popoli arabi, di tutelare gelosamente la propria cultura, i propri modelli economici – il nomadismo, la tribù,…

Condividi

Lottiamo per i sorrisi dei nostri figli per i pianti ci penserà questa vita.

Lottiamo per i sorrisi dei nostri figli per i pianti ci penserà questa vita.

Ecco un piccolo pensiero Quando i nostri figli sorridono non possiamo stroncare la loro felicità per paura di disturbare l’udito altrui. Quando i nostri bambini sorridono lo fanno perché sono felici e noi non possiamo negargli questa possibilità, ci sono troppe cose brutte, c’è troppa aridità, troppe cose che sarebbe meglio non ascoltare, ma il sorriso di un bambino non può essere un male. Chi lo pensa allora avrebbe bisogno di essere circondato da tanti bambini sorridenti. Forse stando con loro il cuore diventerebbe un po’ più tenero. Lottiamo per…

Condividi

La mia casa, Poesia di Pablo Neruda

La mia casa, Poesia di Pablo Neruda

LA CASA: La mia casa, le pareti il cui legname fresco, tagliato da poco, odora ancora: sgangherata casa di frontiera, che scricchiolava ad ogni passo e fischiava col vento di guerra delle bufere australi, divenuta essa stessa parte della tempesta, uccello sconosciuto sotto le cui gelide penne si sviluppò il mio canto. Vidi ombre, visi che come piante mi crebbero attorno alle radici, parenti che cantavano canzoni all’ombra di un albero e sparavano di tra i cavalli bagnati, donne nascoste nell’ombra di campanile proiettata dagli uomini, galoppi che sferzavano la…

Condividi

Uomo solo

Uomo solo

I giovani omosessuali e le ragazze innamorate e le lunghe vedove che soffrono di delirante insonnia e le giovani signore ingravidate da trenta ore e i rauchi gatti che attraversano il mio giardino buio, come una collana di palpitanti ostriche sessuali circondano la mia residenza solitaria, come nemici impiantati contro la mia anima, come cospiratori in veste da camera con la consegna di scambiarsi lunghi viscidi baci.   L’estate radiosa guida gli innamorati in uniformi reggimenti malinconici, formati da grasse e magre e gaie e tristi coppie: sotto le eleganti…

Condividi

Tra ombra e spazio, Pablo Neruda

Tra ombra e spazio, Pablo Neruda

ARTE POETICA Tra ombra e spazio, tra guarnigioni e fanciulle, dotato di un cuore singolare e di sogni funesti, vertiginosamente pallido, smorto nella fronte, e con lutto di vedovo furioso per ogni giorno di vita, ahi per ogni acqua invisibile che bevo sonnolento e di tutti i suoni che accolgo trepidando, ho la stessa sete assente e la stessa febbre fredda, un udito che nasce, un’angustia indiretta, quasi arrivassero ladri o fantasmi, e in un guscio di estensione fissa e profonda, come un cameriere umiliato, come una campana un po’…

Condividi

Sant’Agostino d’Ippona le più belle frasi sagge, citazioni e aforismi

Sant’Agostino d’Ippona le più belle frasi sagge, citazioni e aforismi

Aurelio Agostino d’Ippona (latino: Aurelius Augustinus Hipponensis; Tagaste, 13 novembre 354 – Ippona, 28 agosto 430) è stato un filosofo, vescovo e teologo romano. Padre, dottore e santo della Chiesa cattolica, è conosciuto semplicemente come sant’Agostino, detto ancheDoctor Gratiae (“Dottore della Grazia”). Secondo Antonio Livi, filosofo, editore e saggista italiano di orientamentocattolico, è stato «il massimo pensatore cristiano del primo millennio e certamente anche uno dei più grandi geni dell’umanità in assoluto».  Se le Confessioni sono la sua opera più celebre,  si segnala per importanza, nella vastissima produzione agostiniana, La…

Condividi

Tu sei una possibilità, Osho Rajneesh

Tu sei una possibilità, Osho Rajneesh

Tu sei una possibilità Sei come la foglia gialla. I messaggeri della morte sono in vista. Devi andare molto lontano. Cosa porterai con te? Tu sei la lampada per illuminare il sentiero. Dunque, affrettati, affrettati. Quando la tua luce splende senza impurità o desideri, perverrai alla Terra senza confini. La tua vita sta appassendo. La morte è in vista. Dove riposerai lungo la via? Cosa hai portato con te? Tu sei la lampada per illuminare il sentiero. Dunque, affrettati, affrettati. Quando la tua luce splenderà con purezza, non nascerai né…

Condividi

La nostra vita deve essere regolata dalla filosofia, Seneca!

La nostra vita deve essere regolata dalla filosofia, Seneca!

Tu – lo so bene, caro Lucilio – vedi chiaramente che nessuno può avere una vita felice e neppure tollerabile senza l’amore della sapienza. Una perfetta sapienza ci dà una vita felice, ma a rendere la vita tollerabile bastano anche i primi rudimenti della sapienza. Ora noi vogliamo, con la quotidiana meditazione, radicarli e scolpirli profondamente nell’animo, poiché si richiede maggiore sforzo a metterli in pratica che a proporseli. Bisogna essere perseveranti e, con un continuo impegno, accrescere vigore alle nostre forze spirituali, finché l’inclinazione al bene si trasformi nella…

Condividi

Gibran, Kahlil. L’arte di conoscere se stessi. Massime spirituali 

Gibran, Kahlil. L’arte di conoscere se stessi. Massime spirituali 

Gibran, Kahlil. L’arte di conoscere se stessi. Massime spirituali Ho scoperto il segreto del mare meditando su una goccia di rugiada. ◉ Dove potrò trovare un uomo che sia guidato dalla ragione invece che dalle consuetudini e dalle necessità? ◉ Più si dona, più diminuiscono gli amici. ◉ Se sei povero, evita coloro che usano il metro delle ricchezze per valutare gli uomini. ◉ Preferisco essere un sognatore fra i più umili, immaginando quel che avverrà, piuttosto che essere signore fra coloro che non hanno sogni e desideri. ◉ Dove…

Condividi

Tu hai il tuo pensiero e io ho il mio., Gibran Kahlil. L’arte di conoscere se stessi. Massime spirituali

Tu hai il tuo pensiero e io ho il mio., Gibran Kahlil. L’arte di conoscere se stessi. Massime spirituali

Il tuo pensiero e il mio Il tuo pensiero è un albero che affonda le sue radici nel terreno della tradizione, i cui rami si allungano nel potere della continuità. Il mio pensiero è una nuvola che si muove nello spazio, si divide in mille gocce che, cadendo, creano un ruscello che cantando scorre verso il mare. Quindi si innalza in vapore verso il cielo. Il tuo pensiero è una fortezza che né tempesta né folgore può scuotere. Il mio pensiero è una tenera foglia che si piega in ogni…

Condividi

Kamasutra, repertorio erotico.

Kamasutra, repertorio erotico.

Il testo indiano sul comportamento sessuale umano ampiamente considerato come l’opera più importante nella letteratura sanscrita sull’amore. Alcuni dei contenuti riportati potrebbero urtare la sensibilità di chi legge. Le informazioni hanno solo un fine illustrativo. Passionefolle.it può contenere materiale discutibile: non aprire se non hai la maggior eta.

Condividi

La fragile brezza, nella mente di un pensiero felice, in un ricordo lontano, poesia

La fragile brezza, nella mente di un pensiero felice, in un ricordo lontano, poesia

Mi sento intrappolata in un vortice, iniziato negli inferi, nel fuoco dell’inferno, dove gli angeli caduti lottano per ritornare in cielo. Vengo strattonata dalla sua forza come le onde di un mare in tempesta si abbattono con la loro immensità su una piccola imbarcazione. Sono questo, una fragile brezza nella mente di un pensiero felice, un ricordo lontano. Una luce lontana in questo mare agitato, in questo cielo senza stelle. Il fondo del mio vortice, mio carcere, non so cosa sento, non so cosa provo, so che non posso uscirne,…

Condividi