Aforismi frasi e citazioni di Oscar Wilde

Oscar Fingal O’Flahertie Wills Wilde (1854 – 1900), scrittore e poeta irlandese.

 

– Quando cerchi sinceramente l’amore, lo trovi che ti sta aspettando.

 

– L’Odio acceca. L’Amore sa leggere ciò che è scritto sulla stella più lontana.

 

– Nella vita non esistono cose piccole o grandi. Tutte le cose possiedono pari valore e pari misura.

 

– Amare se stessi è l’inizio di un romanzo che dura una vita.

 

– C’è qualcosa di tragico nel gran numero di giovani che nell’Inghilterra di oggi cominciano a vivere con un profilo perfetto e finiscono scegliendo una qualche professione utile.

 

– Durante gli esami gli sciocchi pongono domande cui i saggi non sanno rispondere.

 

– Essere prematuri è essere perfetti.

 

– I vecchi credono in tutto; le persone di mezza età sospettano di tutto; i giovani sanno tutto.

 

– L’ambizione è l’ultimo rifugio del fallimento.

 

– L’unico modo di fare ammenda perché talvolta si è un po’ troppo eleganti è quello di essere sempre assolutamente troppo educati.

 

– La malvagità è un mito inventato dai buoni per spiegare lo strano fascino degli altri.

 

– Le religioni muoiono quando è dimostrato che sono vere. La scienza è l’inventario delle religioni morte.

 

– Nessun delitto è volgare ma tutta la volgarità è un delitto. La volgarità è la condotta degli altri.

 

– Niente che si verifichi davvero ha la benché minima importanza.

 

– Se si dice la verità si è sicuri di essere scoperti, prima o poi.

 

– Si dovrebbe essere sempre un pochettino improbabili.

 

– Solo i grandi maestri di stile riescono sempre a essere oscuri.

 

– Respingere le proprie esperienze equivale ad arrestare il proprio sviluppo; rifiutare le proprie esperienze significa porre una bugia sulle labbra della propria vita. Non è meno che rinnegare l’Anima.

 

– Solo nel fango ci incontravamo ma soprattutto mi rimprovero per la completa depravazione etica a cui ti permisi di trascinarmi.

 

– Le donne sono state create per essere amate, non capite

 

– Non credo nei miracoli. Ne ho visti troppi

 

– Ricorda che esiste un’enorme differenza tra chi appare stolto agli occhi degli dei e chi lo appare agli occhi del mondo.

 

– Gli ideali sono cose pericolose. Le cose reali sono infinitamente preferibili, anche se talora possono ferirci.

 

– Il legame d’ogni unione, si tratti di matrimonio o d’amicizia, è costituito dalla conversazione, e la conversazione deve possedere una base comune: tra due persone troppo diverse per cultura, l’unica base comune si trova al più infimo livello. 

 

– Il valore di un’idea non ha niente a che fare con la sincerità di chi la espone. E’ molto più probabile che quanto meno si è sinceri, tanto più l’idea sarà intellettualmente limpida, perché non sarà contagiata dalle sue necessità, desideri o pregiudizi.

 

– L’emozione per l’emozione è il fine dell’arte; e l’emozione per l’emozione è il fine della vita, e di quella organizzazione della vita a scopi pratici che si chiama società.

 

– Tutta la teoria sulla quale si basa l’istruzione moderna è radicalmente errata. Fortunatamente, almeno in Inghilterra, l’effetto dell’istruzione è assolutamente negativo. Se così non fosse, esso sarebbe un serio pericolo per le classi elevate, e probabilmente porterebbe ad atti di violenza a Grosvernor Square.

 

– Buona parte della mia perversione morale è dovuta al fatto che mio padre non mi permise di diventare cattolico. L’aspetto artistico della Chiesa e la fragranza dei suoi insegnamenti mi avrebbero guarito dalle mie degenerazioni. Ho intenzione di esservi accolto al più presto.

 

– La personalità è cosa molto misteriosa. Un uomo non può essere stimato sempre per ciò che fa. Egli può rispettare la legge ed essere indegno. Può violare la legge, ed essere delicato. Egli può essere cattivo senza aver fatto niente di male. Può peccare contro la società, e appunto grazie a questo peccato, raggiungere la propria perfezione.

– I due difetti della nostra età sono la mancanza di principi e la mancanza di profilo.

 

– I giornalisti si scusano sempre con noi in privato per quello che hanno scritto contro di noi in pubblico.

 

– Datemi una maschera e vi dirò la verità.

 

– Tutto ciò che bisogna sapere nella vita moderna è dove siano le Duchesse: tutto il resto è abbastanza deprimente.

 

– E’ immorale servirsi della proprietà privata per alleviare i mali spaventosi dovuti all’istituzione della proprietà privata.

 

– E’ semplicemente noioso essere in società; ma è semplicemente tragico esserne esclusi.

 

– Non bisogna mai debuttare con uno scandalo. Lo scandalo dev’essere tenuto in riserva per rendere interessante la vecchiaia.

 

– Devo perdonarmi per il mio bene. Non si può sempre nutrire una serpe in seno, né alzarsi ogni notte a seminare spine nel giardino della propria anima.

 

– Dove il Dolore dimora il suolo è sacro.

 

– Il vizio supremo è la superficialità. Tutto ciò che si vive fino in fondo è giusto.

 

– L’odio è, considerato intellettualmente, la Negazione Eterna. Considerato dal punto di vista delle emozioni è una forma di Atrofìa, e uccide tutto tranne se stesso.

 

– Per il mio bene non potevo fare altro che amarti. Sapevo che, se mi fosse stato concesso d’odiarti, nell’arido deserto della vita che dovevo percorrere, che ancora sto percorrendo, ogni roccia avrebbe perso la sua ombra, ogni palma sarebbe intristita, ogni pozzo d’acqua si sarebbe inquinato.

I miei dèi dimorano in templi costruiti con le mani; e il mio credo, entro il cerchio dell’esperienza reale, è reso perfetto e completo: troppo completo, forse, poiché come quasi tutti, o tutti coloro che hanno fatto della terra il loro cielo, io non v’ho trovato soltanto la bellezza del cielo ma anche l’orrore dell’inferno. 

 

– La maggior parte della gente è altra gente. Le loro idee sono opinioni altrui, la loro vita un’imitazione, le loro passioni una citazione.

 

– La maggior parte delle persone vive per l’amore e l’ammirazione. È invece attraverso l’amore e l’ammirazione che noi dovremmo vivere.

 

– L’amore è nutrito dall’immaginazione, che ci fa diventare più saggi di quanto sappiamo, migliori di come ci sentiamo, più nobili di come siamo… Solo ciò che è delicato, e concepito con delicatezza può dare nutrimento all’Amore. Invece all’Odio tutto dà nutrimento.

 

– Se i mondi sono stati realmente costruiti dal Dolore è stato soltanto attraverso le mani dell’Amore, perché in nessun altro modo l’Anima dell’uomo, per la quale sono stati creati i mondi, avrebbe potuto raggiungere il pieno compimento della propria perfezione.

 

– Tutto nella mia tragedia è stato orribile, mediocre, repellente, senza stile. Il nostro stesso abito ci rende grotteschi. Noi siamo i pagliacci del dolore. Siamo i clown dal cuore spezzato.

 

– I cuori sono fatti per essere infranti.

 

– Non si è mai troppo prudenti nella scelta dei propri nemici.

 

– Non vi è alcuna ragione per cui un uomo debba mostrare la sua vita al mondo. Il mondo non capisce.

 

– Si parla tanto del bello che è nella certezza; sembra che si ignori la bellezza più sottile che c’è nel dubbio. Credere è molto monotono, il dubbio è profondamente appassionante. Stare all’erta, ecco la vita; essere cullato nella tranquillità, ecco la morte.

 

– Anch’io avevo le mie illusioni. Pensavo che la vita sarebbe stata una commedia brillante, e tu uno dei suoi molti e affascinanti personaggi. Scopersi che era una tragedia repellente e ignobile e che la sinistra occasione del grande colpo di scena, sinistra nella concentrazione della sua mira e nell’intensità del suo maligno volere, eri tu, spogliato di quella maschera di gioia e piacere da cui non meno di me eri stato ingannato e fuorviato. 

 

– Era sempre primavera, un tempo, nel mio cuore. Il mio temperamento inclinava alla felicità. Ora mi accosto alla vita da un punto di vista completamente nuovo, e anche soltanto concepire la felicità mi è spesso estremamente difficile. 

 

–  Gli errori fatali della vita non sono dovuti al fatto che l’uomo sia un essere irragionevole: un momento di irragionevolezza può essere il nostro momento più alto. Sono dovuti al fatto che l’uomo è un essere logico. C’è molta differenza. 

 

– La sofferenza è solo un lunghissimo momento. Non possiamo dividerlo secondo le stagioni; possiamo soltanto registrarne i mutamenti e segnare volta a volta il loro ripetersi. Per noi, il tempo non progredisce. Esso ruota su se stesso; sembra girare su un perno di dolore. L’immobilità paralizzante di una vita di cui ogni particolare è regolato da un piano immutabile, così che mangiamo e beviamo e ci corichiamo e preghiamo, o almeno ci inginocchiamo nell’atto di pregare, secondo le leggi inflessibili di una regola di ferro, questo carattere di immobilità che fa ogni singola orrenda giornata identica alla precedente fin nei minimi dettagli, sembra comunicarsi a quelle forza esterne la cui essenza stessa è invece un continuo mutamento. 

 

– Ma l’amore non fa baratti da mercato, né usa la bilancia del merciaiolo. La sua gioia, come la gioia dell’intelletto, è di sentirsi vivo. Il fine dell’Amore è amare; niente di più e niente di meno.

 

– Non vi è nulla che sia accaduto in quegli anni malaugurati che io non possa riprodurre in quella camera della mente dove hanno sede il dolore e la disperazione; ogni intonazione irritata della tua voce, ogni tremito e gesto delle tue mani nervose, ogni parola amara, ogni frase avvelenata rivivono per me; ricordo la strada o il fiume lungo i quali passavamo, le pareti o i boschi che ci circondavano, quale ora segnassero le lancette sul quadrante dell’orologio, quale direzione avessero le ali del vento, la fase e il colore della luna. 

 

Aforismi

È una fatica da cani l’oziare. Ma non protesto contro la fatica purché non miri a uno scopo preciso.

Fornite alle donne occasioni adeguate e le donne potranno fare di tutto.

Ho il culto delle gioie semplici. Esse sono l’ultimo rifugio di uno spirito complesso.

Il cinismo è semplicemente l’arte di vedere le cose come sono, non quali dovrebbero essere.

Il non fare nulla è la cosa più difficile del mondo, la più difficile e la più intellettuale.

Il patriottismo è il vizio delle nazioni.

Il sentimentale è uno che annette un valore assurdo a tutto e ignora il prezzo assegnato a qualsiasi singolo oggetto.

L’uomo colto è colui che sa trovare un significato bello alle cose belle. Per lui la speranza è un fatto reale.

L’uomo ha abbastanza memoria per ricordare centinaia di aneddoti, ma non ha abbastanza memoria per ricordare a chi li ha già raccontati.

L’uomo può credere all’impossibile, non crederà mai all’improbabile.

La Bellezza è l’unica cosa contro cui la forza del tempo sia vana. Le filosofie si disgregano come la sabbia, le credenze si succedono l’una sull’altra, ma ciò che è bello è una gioia per tutte le stagioni, ed un possesso per tutta l’eternità.

La maggior parte di noi vive sguazzando nelle fogne, solo che alcuni lo fanno guardando le stelle.

Le buone intenzioni sono state la rovina del mondo. I soli che hanno compiuto qualche cosa nel mondo sono stati coloro che non avevano nessuna intenzione.

Lo scopo della vita è l’autosviluppo. Sviluppare pienamente la nostra individualità, ecco la missione che ciascuno di noi deve compiere.

Non si può dire che un’atmosfera di alta moralità sia molto propizia alla salute o alla felicità.

Non vi è che una sola cosa orrida al mondo, il tedio. Ecco il peccato che non trova perdono.

Non vi è nulla di più bello che dimenticare, se non forse l’essere dimenticato.

Oggigiorno tutti hanno spirito. Dovunque si va, non si può fare a meno di incontrare persone intelligenti. È divenuta una vera peste.

Per entrare nell’alta società oggi bisogna saper pascere la gente, o saperla divertire, o scandalizzarla; non occorre altro.

Solo le buone domande meritano buone risposte.

Un amico è qualcuno che ti conosce molto bene e, nonostante questo, continua a frequentarti. (da Aforismi, Tascabili economici Newton)

Commenti:

Condividi

Related posts