Quando seguo l’ora che batte il passar.. poesia di William Shakespeare

Quando seguo l’ora che batte il passar.. poesia di William Shakespeare

Quando seguo l’ora che batte il passar del tempo e vedo il luminoso giorno spento nella tetra notte, quando scorgo la viola ormai priva di vita e riccioli neri striati di bianco, quando vedo privi di foglie gli alberi maestosi che un dì protessero il gregge dal caldo e l’erbe d’estate imprigionate in covoni portate su carri irte di bianchi ed ispidi rovi, allor, pensando alla tua bellezza, dubbio m’assale che anche tu te ne andrai tra i resti del tempo, perché grazie e bellezze si staccan dalla vita e…

Condividi

Per la verità, io non ti amo coi miei occhi, poesia di William Shakespeare

Per la verità, io non ti amo coi miei occhi, poesia di William Shakespeare

Per la verità, io non ti amo coi miei occhi William Shakespeare Per la verità, io non ti amo coi miei occhi, perché essi vedono in te un mucchio di difetti; ma è il mio cuore che ama quel che loro disprezzano e, apparenze a parte, ne gode alla follia. Né i miei orecchi delizia il timbro della tua voce, né la mia sensibilità è incline a vili toccamenti, né il mio gusto e l’olfatto bramano l’invito al banchetto dei sensi con te soltanto. Ma né i miei cinque spiriti,…

Condividi

Il mio occhio s’è fatto pittore, poesia di William Shakespeare

Il mio occhio s’è fatto pittore, poesia di  William Shakespeare

Il mio occhio s’è fatto pittore ed ha tracciato L’immagine tua bella sul quadro del mio cuore; il mio corpo è cornice in cui è racchiusa, Prospettica, eccellente arte pittorica, Ché attraverso il pittore devi vederne l’arte Per trovar dove sia la tua autentica immagine dipinta, Custodita nella bottega del mio seno, Che ha gli occhi tuoi per vetri alle finestre. Vedi ora come gli occhi si aiutino a vicenda: I miei hanno tracciato la tua figura e i tuoi Son finestre al mio seno, per cui il Sole Gode…

Condividi

Fiore Di Giungla di Wilma Chiletti

Fiore Di Giungla di Wilma Chiletti

Poesia d’autore: Fiore Di Giungla di Wilma Chiletti FIORE DI GIUNGLA Il tuo essere è un fiore di giungla,  c’è ma non si vede perché è coperto, soffocato, avvinghiato da troppe piante grandi, imponenti, arroganti, che soffocano te, piccolo fiore di giungla. Ma verrà un giorno che un raggio di sole troverà proprio te, piccolo fiore, e allora crescerai, sboccerai, e più bello che mai sarai. Tutti potranno vedere i tuoi colori bellissimi e odorare il profumo che spanderai in questa giungla di umanità.

Condividi

Solitudine poesia di Wilma Chiletti

Solitudine poesia di Wilma Chiletti

SOLITUDINEBellissima solitudine,quando sei cercata, quando discreta mi vieni vicinae come un’ amica sincerami dai tutto di te.Mi dai la pace del tuo silenzio,mi dai la gioia di infiniti pensieri.Bellissima solitudine,mi tuffo in te come se tu fossi un lago di montagna,nelle tue acque calme e rilassantimi lascio cullare e rigenerare.Bellissima solitudine,lo sai perchè ti cerco?Perchè non sono sola.Wilma

Condividi

Vorrei poesia di Wilma Chiletti

Vorrei poesia di Wilma Chiletti

  VORREI Vorrei esserti vicina ogni istante della tua vita. Vorrei essere un balsamo, così mi spalmeresti sulle tue tante ferite. Vorrei essere un fazzoletto, per asciugare le tue lacrime. Vorrei essere una parola, per colmare i tuoi silenzi. Vorrei essere un sorriso, per posarmi sul tuo bel viso. Vorrei esserti vicina ogni istante della mia vita. Wilma

Condividi

Leo Buscaglia: Perdonare

Leo Buscaglia: Perdonare

Perdonare Non potrete mai scegliere la vita se prima non imparate a perdonare! Perdonate quelli che vi hanno fatto del male. Imparate a perdonarli. Perché, se non lo fate, allora vi porterete tutte queste cose sulla schiena come albatros morti, che vi appesantiranno. Se imparate a perdonare, potrete staccarvi da dosso questi pesi, e tutte le energie potrete usarle per crescere e diventare splenditi. Quindi non portatevi in giro il vostro passato come un albatros morto. Lasciatelo andare! Imparate da esso e lasciatelo andare. Leo Buscaglia

Condividi

Leo Buscaglia: Esternare il bisogno

Leo Buscaglia: Esternare il bisogno

Esternare il bisogno Nessuno è mai tenuto a piangere o a soffrire in solitudine. Eppure molti fra noi sarebbero disposti a patire in silenzio pur di non chiedere aiuto di cui peraltro hanno urgente necessità. Tendiamo a ritenere che gli altri siano perfettamente consapevoli delle nostre pene, anche se noi non ne parliamo affatto. E’ dalla forza emotiva, non dalla debolezza, che noi sappiamo trarre la capacità di invocare aiuto. Il timore del rifiuto, o del ridicolo, o di qualunque altro impulso ci spinga a nascondere le nostre sofferenze, dev’essere…

Condividi

Leo Buscaglia: Vai Bene come Sei

Leo Buscaglia: Vai Bene come Sei

Vai bene come sei. Attenti a non cadere vittime della persuasione che non possiamo essere amati perché siamo troppo questo e troppo poco quell’ altro. Andiamo bene come siamo, questa è la verità. La diversità è la vita. Vi sono stuoli di individui, per esempio, che prediligono le persone alte, oppure quelle basse: Ad alcuni piacciono le brune, altri preferiscono le bionde. C’è chi apprezza i grassi, chi i magri: Chi ama i loquaci, chi ha un debole per i taciturni. E così via. Meno ci sentiamo in torto per…

Condividi

Leo Buscaglia: Il Rischio

Leo Buscaglia: Il Rischio

Il Rischio A ridere ce il rischio di apparire sciocchi; a piangere ce il rischio d’ essere chiamati sentimentali; a stabilire un contatto con un altro c’è il rischio di farsi coinvolgere, a mostrare i propri sentimenti c’è il rischio di mostrare il vostro vero io; a esporre le vostre idee e i vostri sogni c’è il rischio d’essere chiamati ingenui; ad amare c’è il rischio d’essere corrisposti; a vivere c’è il rischio di morire; a sperare c’è il rischio della disperazione e a tentare c’è il rischio del fallimento….

Condividi

Solitudine come Sorgente D’Amore

Solitudine come Sorgente D’Amore

Solitudine come Sorgente D’Amore E’ bene tener presente che, indipendentemente dal numero delle persone che ci amano, ci circondano, hanno a cuore il nostro benessere e la nostra serenità, di fatto noi siamo veramente soli. Nessuno, per quanto possa esserci vicino, può comprenderci perfettamente, capire le nostre paure, le nostre speranze, i nostri sogni. Siamo ignoti perfino a noi stessi, e molti trascorrono l’intera vita nel tentativo di comprendere la loro vera essenza. Tale estraniazione può diventare fonte di grande solitudine, ma non è detto che sia sempre così. In…

Condividi