Citazioni e frasi sulla fortuna

A causa dell’irresistibile forza delle circostanze fallisce anche l’uomo migliore, e da questo gli viene spesso l’attributo di mediocre. Ma la fortuna a lungo andare arride per lo più alle persone capaci.
(Helmuth Karl Bernhard von Moltke)

 

Alle fortune che già brillano, fortune s’aggiungono.
(Eschilo)

 

Anima piccola nella buona sorte si esalta, nell’avversa si annulla.
(Epicuro)

 

Attira la fortuna chi si rende conto di quella che ha già.
(Massimo Gramellini)

 

Ben gioco è di fortuna audace e stolto por contra il poco e incerto il certo e ‘l molto.

(Torquato Tasso)

 

Certo che ho avuto una fortuna fantastica! Ma la fortuna è un po’ come il coraggio: può darsi che in parte venga da sé, ma in gran parte si può farsela da soli.
(Robert Baden-Powell)

 

Ché fortuna qua già varia a vicenda mandandoci venture or triste or buone,  ed a i voli troppo alti e repentini  sogliono i precipizi esser vicini.
 (Torquato Tasso)

 

Che fortuna possedere una grande intelligenza non ti mancano mai le sciocchezze da dire.
(Anton Čechov)

 

Che un uomo, sia pure dotato della più gran fermezza ed energia, cada in deliquio ad un’improvvisa percossa della fortuna, non deve meravigliare. Si uccide un uomo con l’imprevisto come un bue con la mazza.
(Victor Hugo)

 

Chi disse: “Preferisco avere fortuna che talento” percepí l’essenza della vita. La gente ha paura di ammettere quanto conti la fortuna nella vita. Terrorizza pensare che sia così fuori controllo. A volte in una partita la palla colpisce il nastro e per un attimo può andare oltre o tornare indietro. Con un po’ di fortuna va oltre e allora si vince. Oppure no e allora si perde. (Match Point)

 

Ciò che è effetto di sola fortuna non si ripete con tanta simiglianza due volle.
(Vincenzo Cuoco)

 

Comportatevi con la fortuna come con le cattive paghe, non disdegnate i più piccoli acconti.
(Pierre-Marc-Gaston de Lévis)

 

Confesso che la prima volta che ebbi occasione di conoscere Carlo Strickland non ebbi neanche il sospetto che in lui fosse qualche cosa di eccezionale. Pure oggi si troveranno poche persone che osino negare la sua grandezza. Non parlo della grandezza che consegue il fortunato uomo politico o il militare vittorioso: essa non appartiene all’uomo, ma gli deriva dal posto che occupa; uno spostamento di circostanze può ridurla a proporzioni più che modeste. Spesso si osserva che un primo ministro, fuori del suo ufficio, non è altro che un pomposo retore, e il generale senza esercito somiglia al mite eroe di una fiera di villaggio.
(William Somerset Maugham)

 

 

Credo, che fu, come si dice appunto, la fallace fortuna a me nemica,  che quanto più piacer ci arreca o gioia, tanto maggior dolor ne apporta poi.
(Giambattista Giraldi Cinzio)

 

Da ragazzina rifiutavo il mio fisico: non immaginavo che sarebbe stato la mia fortuna.
(Maria Grazia Cucinotta)

 

Debbono i saggi Adattarsi alla sorte.
(Pietro Metastasio)

 

Dietro ogni grande fortuna c’è un crimine.
(Honoré de Balzac)

 

È un errore creder di aver fatto fortuna quando non si sa goderne.
(Luc de Clapiers de Vauvenargues)

 

Ebbene, ritengo che agli uomini giovi più l’avversa che la prospera fortuna; questa infatti inganna sempre con l’apparenza della felicità, quando sembra propizia, mentre quella è sempre veritiera, quando con il continuo mutare si dimostra instabile. Questa inganna, quella istruisce.
(Severino Boezio)

 

Fortuna è il nome che diamo al successo altrui.
(Roberto Gervaso)

 

Fortunati coloro che si assorbono quasi per egoismo nell’avvenire e vivono per sé e di ciò che li circonda, e non si curvano su se stessi a perscrutarsi nelle sfumature dei sentimenti e nella contemplazione del passato!
(Carlo Maria Franzero)

 

Gli accidenti della fortuna si riparono facilmente: quello a cui non possiamo porre riparo sono gli eventi che nascono incessantemente dalla natura delle cose.
(Montesquieu)

 

Gli avvenimenti previsti da menti acute si avverano abbastanza facilmente, ma la fortuna si riserva due segreti, l’epoca e i mezzi.
(Pierre-Marc-Gaston de Lévis)

 

Gli uomini non sanno apprezzare e misurare che la fortuna degli altri. La propria, mai.
(Indro Montanelli)

 

Hai intenzione di lasciare che quella cosa ti condizioni la vita? È come se tutte le paure della tua vita siano contenute in quell’unica macchina. Non ha importanza se sappia prevedere il futuro! Importa che tu, ora, credi di più nella fortuna e nel destino che in te stesso. Devi decidere tu della tua vita. Tu hai una mente, una mente meravigliosa. Non distruggerla cercando di giustificare le risposte di quella stupida macchinetta davanti a te stesso.
(Ai confini della realtà)

 

Hai ottenuto tutti i risultati migliori, con la virtù come guida, la sorte per compagna.
(Marco Tullio Cicerone)

 

In genere, noi uomini, siamo soliti essere in balia delle circostanze, ci lasciamo trascinare dalla corrente; e ci dirigiamo non senza esitazione verso un punto determinato. Non siamo noi che scegliamo, ma accettiamo e facciamo quello che ci tocca in sorte, quello che ci offre la cieca fortuna. La professione, il partito politico, l’intera vita di molti uomini pende da casi fortuiti, dall’evento, dal capriccio improvviso della sorte.
(Juan Valera)

 

I più ingenerosi e invidiosi possono parlare di inadeguatezze delle avversarie o di fortuna. Machiavelli sosteneva che la metà delle imprese dipendono dalla fortuna, l’altra metà da noi stessi. Credo che la fortuna sia quella che ognuno di noi merita e che molte volte sia il nome che si dà all’abilità altrui. Non c’è impresa che se vogliamo denigrare o ridimensionare possa sfuggire a un momento fortunato.
(Arrigo Sacchi)

Commenti:

Condividi

Related posts