Lei non era stupida, non era incapace, ne tantomeno fragile.

Lei non era stupida, non era incapace, ne tantomeno fragile.
Lei era forte.
Più forte dei tradimenti.
Più forte dei maltrattamenti.
Più forte della mia testardagine.
Ecco.
Era così forte da credere in me e io la odiavo per questo.
Odiavo quella debolezza che sentivo quando stavo con lei.
Più la amavo, più mi comportavo da stronzo.
Lei era la prima persona che mi aveva visto per come ero veramente.
Dietro al narcisismo, alle bugie, ai tradimenti, lei continuava a perdonarmi.
Io invece non volevo il suo perdono
Volevo sterminarla, volevo farla stancare, lei doveva smetterla di dirmi che io ero meglio di così.
Ci sono riuscito, lei si è stancata di me.
Adesso quella forza che aveva per amarmi si è concentrata in una direzione, dimenticarmi.
Ha detto che vuole essere felice.
Che si era stancata di sopportare e subire per amore.
Ha detto che chi ama non tradisce, non mente, non maltratta.
Ecco.
Io adesso non ho lei e il suo amore.
Adesso mi manca
La vorrei con me
Cambierei.
Farei ogni cosa per riavere lei nella mia vita.
Invece ho mandato tutto a puttane per il mio maledettissimo comportamento.
Perché la verità è che io non sapevo amare.
Non sapevo amare prima di lei.
#Lidilianny

Condividi

Related posts