Non sono amica di tutti

Non sono amica di tutti.
Parlo con tutti, rido con tutti, ma non sono amica di tutti.
L’amicizia in quest’epoca è sulla bocca di tutti,
ma nel cuore di pochi, ti chiamano amica quando gli servi e nemica quando di te non sanno più che farsene.
Ecco perchè non sono amica di tutti,
ma solo di chi sa cosa vuol dire davvero amicizia e sa rispettare la mia.

 

E quando non vuoi ecco che arrivano i ricordi, quelli incancellabili, che ti fanno venire la malinconia di ciò che non sarà mai più, quelli teneri fatti di dolci carezze e tenere parole che non sentirai mai più, quelli che danno brividi e ti basta chiudere gli occhi per risentirli sulla pelle.

 

Non far caso a me. Io vengo da un altro pianeta. Io ancora vedo orizzonti dove tu disegni confini.

Alla fine vai avanti come sempre, anche se non sei più quella di sempre.

 

È così facile ferire qualcuno senza neanche accorgersene e quando c’è ne accorgiamo quella ferita fa più male a noi.

 

Alla fine chi tende a rimandare sempre tutto non si ritroverà più niente.

 

È inutile credere che ciò che ti ha segnato in passato sparirà. Le ferite non fanno più male, ma le cicatrici ti ricordano il male che hai provato ed hai talmente tanta paura di riprovare quel male che senza accorgertene tu te ne fai ancora di più.

L’invidia è la lama che uccide se stessi.

 

Mi piacciono le persone che lasciano il segno. Non cicatrici.

Perché noi apparteniamo solo a chi vogliamo appartenere, ed è questa l’unica libertà che conta.

 

Ti senti come se la malinconia ti avesse vestito e tu di quei vestiti non riesci più a toglierli.

 

In fondo essere prigioniera dei propri sogni, non è una pena.

 

Siamo perennemente attratti da tutto ciò che ci fa male ed il bello è che ne siamo consapevoli.

 

E ti ho immaginato mentre il mio corpo profumata di te, di quell’amore che ancora mi porto addosso e che non riesco più a mandare via. Ho sentito il tuo respiro scaldarmi e le tue mani avvolgermi. Sì, era una fantasia. O un sogno che non riusciva a svanire con la realtà.

 

La delusione più grande avviene quando ti rendi conto che le persone per cui tu avresti affrontato un uragano, per te, non si bagnerebbero neanche in una pozzanghera.

 

Tutti credono che la felicità abiti solo in chi non ha problemi, senza rendersi conto che la felicità è zingara, parcheggia ovunque, basta fargli spazio.

Vita, quando ti ho chiesto se peggio di così potesse andare, era una domanda retorica, non una sfida.

 

Il bello di lasciare libere le persone è che se restano è perché è proprio lì che vogliono stare.

 

Diamo sempre tutta la dolcezza che abbiamo e loro in cambio spesso ci lasciano solo amarezza.

Io non scendo mai a compromessi, se proprio ci tengono salgono loro.

È bellissimo quando le persone ti chiedono di ascoltare una canzone, è come se ti dicessero “tieni, ascolta, ti racconto un po’ di me.”

 

Amo le cose belle, le belle storie che dicono qualcosa, mi piace tutto ciò che fa palpitare il cuore. È bello avere la pelle d’oca, significa che stai vivendo.

 

Smetti di aver paura e vivi tutto ciò che viene, tanto la paura non ti salva, ti lascia solo il rimpianto.

Se non ti prendi cura di quello che hai, non meriti di averlo!

 

La bellezza di una donna si vede dagli occhi e dal sorriso. Non da una maglia scollata o una minigonna. La bellezza di una donna è la sua semplicità.

E se leggerai tra le righe capirai che ho solo una ferita dentro, che ha solo bisogno di guarire.

Non esiste una donna che non possa essere conquistata. Ma solo maschi incapaci di farlo.

 

Finché la realtà non cambia, lasciatemi al mio sogno.

 

Il fascino è molto più pericoloso della semplice bellezza. Mette le radici nella mente, per conquistare tutto il resto.

 

Commenti:

Condividi

Related posts