Pulizia delle tapparelle. Quello che devi sapere.

La pulizia delle tapparelle si divide sostanzialmente in 2 tipi, pulizia superficiale (da svolgere una volta a settimana) e pulizia approfondita (da svolgere mensilmente).

Prima di cominciare cerchiamo informazioni sul materiale di composizione delle nostre tapparelle per capire con quali detergenti possiamo “curarle” e armiamoci di tanta pazienza in quanto ci aspetta un lavoro molto ripetitivo.

Per la pulizia superficiale dobbiamo munirci di una scala, di una spazzola di generose dimensioni (va bene anche la parte inferiore di una scopa), di un panno antistatico (oppure in microfibra leggermente inumidito) e di un aspirapolvere.Maid-pennello

Chiudiamo la tapparella e partendo dal lato interno e dall’alto passiamo il pennello sui vari listelli per eliminare tutta la polvere in eccesso, aspiriamo poi il tutto con l’aspirapolvere.

La stessa operazione può essere effettuata anche dal lato esterno della tapparella. Se invece la tapparella non affaccia su un balcone fatevi aiutare da una seconda persona, smontate il cassone sulla finestra e, partendo dalla tapparella chiusa, spolverate con il pennello i listelli man mano che il vostro “aiutante” procede nell’avvolgerli.
Con l’aiuto dell’aspirapolvere procediamo con la rimozione degli accumuli di polvere che si creano all’interno del cassone.

 

Maid-straccioUna volta effettuata questa procedura possiamo ripetere il procedimento descritto sopra utilizzando il panno antistatico per rimuovere la polvere che il pennello non ha raggiunto. 

 

 

 

 

 

 

 

La pulizia vera e propria (quella approfondita) ha le medesime modalità di quella superficiale, si parte sempre da tapparella abbassata sia dall’interno che dall’esterno, mentre per i casi più pericolosi e senza balconi si procede smontando il cassone e procedendo dall’interno.

Maid-detergentePer le tapparelle in plastica o in metallo possiamo procedere alla pulizia utilizzando un panno  leggermente umido, ben strizzato, imbevuto in una soluzione di acqua calda e un detergente neutro. Ricordiamoci di cambiare spesso l’acqua in modo da avere sempre la massima pulizia.

Per le tapparelle in legno invece, utilizziamo la sola acqua calda. Aggiungiamo il detergente neutro spruzzandolo su un secondo panno, solo sulle macchie più persistenti. Anche in questo caso dobbiamo ricordarci di cambiare spesso l’acqua utilizzata.

Passiamo un panno in microfibra per eliminare l’acqua in eccesso e per lucidare i listelli possiamo utilizzare la gommalacca applicandola con un pennello o con dei tamponi.

Per quanto riguarda la pulizia del nastro in corda sarà sufficiente un panno in microfibra leggermente umido.

Questo è il metodo ideale per effettuare al meglio la manutenzione delle nostre tapparelle senza rischiare che si rovinino nel tempo e lavorando sempre in completa sicurezza.

Se però la nostra guida la hai letta troppo tardi ed hai danneggiato le tue tapparelle non disperare.

Ti consigliamo di visitare questo sito dove puoi trovare ogni informazione, componente o accessorio per le tue tapparelle:

faidacasa

 

 

 

Commenti:

Related posts